Ricciarelli Senesi

Ricciarelli Senesi_title

Ricciarelli Senesi_title

Quando parlo della Toscana e delle sue bellezze  non riesco a rimanere indifferente. Qualche anno fa, quando per la prima volta ho visitato Firenze, Siena, Lucca e la minuscola San Gimignano sono rimasta incantata dal fascino sia delle città che dei paesaggi, ora è difficile  non confrontarli con altri luoghi visitati . Ogni volta quando ritorno a Firenze, spesso per lavoro, pur non avendo tutto quel tempo che vorrei per girucchiare nelle stradine meno affollate dai turisti, cambio ritmo nel respirare, quasi un pò ansioso, come se volessi  ispirare ogni minuto vissuto in questi luoghi. Amore a prima vista, dal quale non sono riuscita a guarire.

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Diversamente da Firenze, a Siena sono tornata solo un anno fa, sempre per lavoro, ed aproffittando di ogni minuto libero sono riuscita a girare tutti gli angoli della città. Sono stata molto fortunata a incontrare due donne meravigliose, con gl’occhi che brillavano dalla curiosità e i cuori che non conoscono limiti per l’accoglienza. Un paio di settimane fa per loro e da loro sono tornata in questa città stupenda.

Siena, Tuscany, Italy

Piazza del Campo e Il Palazzo Pubblico con la Torre del Mangia di 102 m di altezza

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Un lungo week-end, godendo della buona compagnia, bei paesaggi e la cultura che si respira in tutta la zona. A Siena, una città come nessun’ altra in Italia, sembra di tornare indietro nel tempo, pare si sia fermato dal XII al XV secolo. Stradine acciottolate, lunghe e strette separano le diciasette contrade della città. Il centro un pò insolito per città di questa grandezza, con edifici alti e tutti uniti lungo le vie con le finestre grandi. Come si dice che tutte le strade portano a Roma, a Siena, credo sia giusto di dire che tutte le vie portano alla piazza principale, Piazza del Campo, dalla forma particolare che ricorda una conchiglia o un ventaglio, famosa per il celebre Palio tenuto due volte in estate. La piazza ospita non solo gli eventi più grandi della città, ma diventa anche una sorta di spiaggia o parco senza verde per i giovani locali, che spesso si sdraiano semplicemente sulle mattonelle.

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

La cattedrale della città, considerata un capolavoro (XII secolo)

Siena, Tuscany, Italy

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Dopo la prima visita a Siena quello che più è rimasto impresso nella mia mente è la cattedrale, come la più bella mai vista,  capolavoro del XII secolo. La sua facciata mi lascia sempre senza fiato, di una bellezza unica, decorata con marmo dal color verde bosco e  bianco, con sculture elaborate e ornamenti che ricordano la precisione orafa. Ma capisci subito che quello che hai visto all’esterno è nulla al confronto della bellezza incantevole, la grandezza e l’unicità che vedi appena entrato all’ interno: disegni unici al mondo, creati con i mattoncini di marmo sui pavimenti,  scene storiche e simbolismo.

Passeggiando per la città è impossibile  non perdersi tra le drogherie, boutique alimentari e pasticcerie con tutte quelle tentazioni. I formaggi pecorini dalle mille varietà, il profumo di zucchero a velo, spezie e dolcetti fragranti, tra i quali di certo il più noto è il Panforte, o  i Cantucci? Mi hanno incuriosito molto i tipici biscotti, chiamati Ricciarelli, che  ricordano il Natale, così  ho provato a farli in casa e oggi condivido con voi la ricetta.

Siena, Tuscany, Italy

Siena, Tuscany, Italy

Nel week end si è sfruttato il tempo per visitare luoghi fino ad ora sconosciuti, come Montalcino, situato sulla collina più alta della valle che offre un panorama mozzafiatto. Una piccola città del XVI secolo incorniciata dalla chiesa da una parte e dall’altra la fortezza. Certamente la cittadina è diventata famosa proprio per il celebre Brunello: abbiamo girato tra le colline e strade strette fino a quando siamo capitati  da un simpatico produttore; il suo Brunello è riconosciuto tra i 50 vini migliori al mondo.

Montalcino, Tuscany, Italy

Dintorni di Montalcino

Montalcino, Tuscany, Italy

Montalcino, Tuscany, Italy

Montalcino, Tuscany, Italy

Montalcino, Tuscany, Italy

Proseguendo la strada per la Val D’Orcia troviamo  una piccolissima frazione di solo 30 abitanti, celebre per le antiche terme, Bagno Vignoni. Le acque che sgorgano in questo luogo vennero utilizzate fin dall’epoca romana a scopi termali. E’ d’effetto vedere le acque che ” bollono”  al centro del borgo nella “Piazza delle sorgenti” nella vasca rettangolare, dove una sorgente di acqua termale calda e fumante esce dalla falda sotterranea di origini vulcaniche.

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Antiche terme di Bagno Vignoni

Un’altra cittadina dove assolutamente volevo tornare è San Gimignano, a volte sarcasticamente chiamata Manhattan del Medioevo, con le suo 16 torri  sopravissute dai tempi d’oro del Comune, il XII-XIII secolo, quando le  famiglie nobili facevano a gara per costruirle più alte possibili, in quanto simbolo di potere e ricchezza.

San Gimignano , Tuscany, Italy

La vista su San Gimignano dalla Torre Grossa

San Gimignano , Tuscany, Italy

Italian Cheese, Tuscany, Italy

San Gimignano , Tuscany, Italy

San Gimignano , Tuscany, Italy

Ultima tappa è Montepulciano, già pronta per le feste natalizie con il suo invitante mercatino. Qui, come nella vicina Pienza, è impossibile  passare senza aver assaggiato la varietà dei pecorini, i migliori della regione.

In queste valli ci si perde nei paesaggi meravigliosi: cipressi sulle punte delle colline si immergono nel buio, dando ancora più importanza e lo spirito giusto per la cittadina addobbata a festa.

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Il Mercatino di Natale in Piazza Grande di Montepulciano

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Non ho pensato molto a  cosa potrei preparare per viziare gli amici, soprattutto quando le feste sono così vicine.  Affascinata dal cuore morbido e la crosticina zuccherata, quasi come un collina con la neve, ho fatto i ricciarelli a base di mandorle.
Da queste parti sono apprezzati soprattutto come dolce natalizio e si consumano con vini da dessert. Ottimi anche per regalare perchè si mantengono bene.

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

RICETTA

Ricciarelli Senesi

per circa 600 g di ricciarelli, circa 40 biscotti (ricetta ispirata da qui)
tempo di preparazione: è lungo… ma ne vale la pena.
tempo di cottura: 15 min

Cosa serve:

(A)
225 g di zucchero semolato
300 g di mandorle dolci pelate
15 g di candito d’arancia dolce o scorza d’arancia
5 g di mandorle amare (se non riuscite trovare, non mettete)
25 g di farina di grano 00

(B)
35 g di zucchero semolato
12 g di acqua

(C)
15 g di zucchero a velo
15 g di farina 00 o amido di riso

(D)
15 g di zucchero a velo vanigliato
1 albume (circa 35 g)

zucchero a velo per spolverizzare

Come fare:

Fase A.
Asciugate le mandorle in forno per 10 min a 50°, poi lasciatele intiepidire e poi ponetele in freezer, per creare l’effetto della sauna svedese.
Dopo 45 min passate le mandorle al cutter con lo zucchero semolato, in due volte, badando bene, per non  far fuoruscire l’olio essenziale.
Allo sfarinato di mandorle aggiungete la farina 00 e la scorza d’arancia grattugiata.

Fase B.
Sciogliete 35 g di zucchero in circa 12 g d’acqua e spegnete non appena si trasforma in uno sciroppo denso e trasparente. Durante la cottura non lo girate, ma fate attenzione che non diventi caramello.

Fase C.
Versate lo sciroppo della fase B, ormai intiepidito, nella miscela di mandorle, aggiungete lo zucchero a velo, la farina 00. Impastate con le mani. Il composto dev’ essere slegato e sbricioloso, coprite la ciotola con un panno umido e lasciate riposare per circa 12 ore in luogo fresco.

Fase D.

Sbattete un albume con 15 g di zucchero a velo fin quando quest’ultimo non si sarà disciolto, poi aggiungete l’impasto di mandorle. Lavorate con le mani fino ad ottenere un panetto liscio e piuttosto morbido.
Spolverate il piano di lavoro con lo zucchero a velo e formate i cilindri dal diametro di 4,5 cm circa. Tagliate a fette spesse un centimetro, arrotolate leggermente e schiacciate con il palmo della mano, creando la forma dei ricciarelli, un pò oblunga.
Foderate la teglia con la carta forno, spolverate con zucchero a velo e disponete i ricciarelli non troppo vicini uno all’altro. Coprite con lo zucchero a velo setacciato e lasciate riposare in un luogo fresco per un’ora.

Prima di infornare a 160° schiacciate leggermente ogni pasticcino. Fate cuocere in per circa 15 min, o fino a quando si formano le caratteristiche crepe in superficie. Devono rimanere chiari e morbidi.

Siena, Tuscany, Italy and traditional riciarrelli cookies recipe

Buona attesa delle feste!

 

Written By
More from Tartamour

Insalata tiepida di zucca arrosto, quinoa, lenticchie e feta

Sognare di trasferirsi in terre lontane, dove il sole scalda tutti i...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *